Questo sito è esclusivamente informativo e non offre giochi con vincita in denaro in via diretta, ma recensisce e rimanda ad operatori concessionari AAMS. Informati sulle probabilità di vincita sul sito AAMS o dei singoli operatori concessionari.
IL GIOCO E' VIETATO AI MINORI DI ANNI 18 E PUO' CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA

 

I casinò Playtech e Gibilterra: amore a prima vista

William Hill, primo a Gibilterra, primo in Italia

Analizziamo il fenomeno che si è generato a Gibilterra tra il 2008 e 2009 citando soprattutto William Hill (in quanto i brand che già in quel periodo non accettava giocatori provenienti dall'Italia in attesa della regolamentazione, poi avvenuta puntualmente il 18 luglio del 2011). Ripetiamo questo articolo ha puramente finalità informative, relative alla regolamentazione del gioco online in altri paesi; i casinò online legali in Italia (gli unici che troverete citati nel nostro portale) sono solo quelli che hanno regolare concessione GAD rilasciata dall'AAMS, anche se molti di essi hanno effettivamente sede legale a Gibilterra, e sopratutto quelli che hanno scelto di basarsi sulla piattaforma software Playtech.

mappa area economica europea

William Hill non solo è stato il primo operatore ad approfittare della regolamentazione britannica sul gioco online (ricordiamo il "Gambling Act"), stanziandosi a Gibilterra fin dal 2008 per approfittare della possibilità concessa da alcune legislazioni tra cui quella britannica di operare dall'estero (regolamentazione ormai superata avendo adottanto anche l'Inghilterra una soluzione "interna" simile a quella italiana; cfr. nostro articolo di approfondimento), ma ancora una volta in anticipo sui tempi è stato uno dei primi operatori ad acquisire le licenze di gioco AAMS, regolarmente concesse in Italia, sia per il casinò online che per il bingo, e successivamente estese anche alle scommesse sportive online (di cui è uno dei leader internazionali) oltre che al poker sia sportivo che in modalità "cash game".

Per questo motivo, tutti brand riconducibili a William Hill (che non citiamo per non fare pubblicità neppure indiretta a brand non concessionari) hanno spontaneamente chiuso i battenti ai giocatori provenienti dall'Italia, a dimostrazione della correttezza e trasparenza con cui da sempre opera questo operatore.

Ma ovviamente, pur essendo la situazione a Gibilterra fortemente cambiata, abbiamo preferito lasciare l'articolo di seguito, ai soli fini di completezza, che analizzava il fenomeno nell'anno 2009.

Arrivano i nostri... a Gibilterra. Articolo riferito al 2008

 

I casinò online playtech sono sicuramente tra i più apprezzati dai giocatori online. Offrono bonus molto cospicui (ma anche molto "invadenti") ed una popolarità davvero invidiabile.

Fin dall'introduzione del Gambling Act Britannico, la maggior parte dei casinò online con software Playtech, è rimasta oltreoceano e solo a partire dal novembre 2008 (e con quasi un anno di ritardo rispetto ai concorrenti microgaming, cryptologic e wagerworks) si sono visti i primi brand Playtech approdare a Gibilterra (che sembra arrivati a questo punto la sede preferita per gli operatori che utilizzano questo software così come malta lo è per gli operatori microgaming).

Tra gennaio e febbraio del 2009 è sbarcata a Gibilterra una vera e propria flotta di casino online con software Playtech comandata (si fa per dire) dai brand appartenenti al gruppo William Hill

A questo gruppo ne sono seguiti altri, a cominciare dal gruppo Party, da 888, e molti altri che operano nei confronti dell'Inghilterra, e dei mercati non regolamentati, che non impongano il divieto di gioco, direttamente da Gibilterra.