Questo sito è esclusivamente informativo e non offre giochi con vincita in denaro in via diretta, ma recensisce e rimanda ad operatori concessionari AAMS. Informati sulle probabilità di vincita sul sito AAMS o dei singoli operatori concessionari.
IL GIOCO E' VIETATO AI MINORI DI ANNI 18 E PUO' CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA

 

Dal 18 Luglio 2011 i casinò online (con concessione GAD-AAMS) sono legali in Italia

Novità Dicembre 2012 - Gennaio 2016

Come molti di voi già sapranno a partire dal 18 Luglio 2011 sono entrati in funzione online, regolarmente i primi casinò online legali in Italia.

mappa area economica europea

Ma quali sono i casinò legali in Italia e come fare a riconoscerli?

La questione è tutt'altro che oziosa, ma fortunatamente è anche di facile soluzione: sono legali in italia solo quei casinò online che abbiano ricevuto regolare concessione GAD (gioco a distanza) da parte dell'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato.

Questione un pò più complicata è riconoscere casinò legali da casinò illegali (o forse meglio casinò autorizzati da casinò non autorizzati); questo perchè nel mare di internet continuano ad esistere operatori che tentano di effettuare la raccolta pur operando in assenza di autorizzazione dall'estero; quindi è necessaria un pò di attenzione nel valutare l'operatore da scegliere.

In genere i casinò che abbiano acquisito concessione italiana, espongono in calce al proprio portale, ed all'interno della piattaforma software del casinò tanto il marchio aams, quanto il numero di concessione (che è del formato 15XXX). In assenza di questi due requisiti si può essere certi che il casinò non ha regolare concessione italiana. Inoltre, in caso di dubbio, è sempre molto utile visitare il sito istituzionale dell'AAMS, dove si possono trovare tutte le informazioni circa gli operatori autorizzati alla raccolta a mezzo gioco a distanza.

Alcuni parametri deduttivi non più validi. 

Inoltre è bene ricordare che  fino al 3 dicembre 2012 non tutti i giochi da casinò potevano essere offerti dai casinò concessionari; in particolare le slot machines online non erano ancora incluse dal novero dei giochi legali: cosicchè un casinò regolare in Italia toteva offrire nel proprio ventaglio di giochi tutti i cosiddetti "table games", dei giochi del tipo "Arcade", ma mai slot machines. Ovviamente questo elemento non è più da prendere in considerazione data l'introduzione delle slots machines online anche per i casinò legali in Italia.

Inoltre, altro elemento che poteva essere preso in considerazione, era l'estensione del dominio. Presumibilmente i domini .it potevano essere considerati più attendibili di quelli .com. Ma anche questo elemento non è più valido per due ragioni: potrebbero esserci operatori "illegali" su dominio .it e sicuramente ci sono operatori legali su dominio .com (soprattutto quelli che hanno nel brand il suffisso del dominio come Casino.com uno degli ultimi entrati nel mercato italiano, ma anche bet-at-home). Insomma anche questo elemento non può più essere preso in considerazione

La situazione italiana prima del 2011 - Aggiornamento del Gennaio 2011

 

L'articolo che segue è oramai vecchio e  risale al novembre 2009. Da allora molte cose sono cambiate e stanno cambiando repentinamente e di continuo. Quindi per un'approfondimento sulle ultime novità vi rimandiamo al nostro articolo qui in alto, dove trattiamo le ultime vicende normative ed i regolamenti emanati dall'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, che consentiranno a partire dal 2011 la concessione di licenze per il gioco online anche per tipologie di giochi che sono sempre stati considerati dei veri e propri giochi da casinò.

Articolo del Novembre 1999

Il fatto che alcuni casinò online abbiano una licenza rilasciata da uno stato europeo, per di più membro dell'Unione Europea, non è presupposto sufficiente per affermare che tali casinò siano legali anche in italia.

Alla domanda "I casinò online sono legali in Italia?", la risposta è tuttora "No", anche se molti aspetti sono quantomeno controversi.

Innanzitutto la posizione dell'Italia in materia è chiara: non tutti i giochi sono legali a prescindere dal possedere o meno una licenza in Italia; sono esclusi tutti i giochi d'azzardo come appunto i casinò online ed il poker che non rispetta alcuni requisiti (ovvero limite di buy-in per torneo ad €.100 e divieto assoluto di giocare per "cash", ovvero in modalità denaro reale uno contro l'altro, limitandosi il poker ammesso alla sola versione sportiva a tornei con il limite di ingresso di cui abbiamo detto). Inoltre per quei giochi che sono considerati legali, come ad esempio le scommesse sportive, il poker sportivo e da ultimo alcuni skill games, per esercitare la raccolta "nel territorio italiano" (quindi se viaggate per lavoro e siete altrove, e se siete italiani all'estero o del Canton Ticino potete liberamente giocare, se questo rispetta le norme del Paese dove vi trovate) è necessaria una apposita autorizzazione rilasciata dall'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. Tutti gli operatori sprovvisti di tale autorizzazione, perchè offono giochi "non ammessi" (come quelli da casinò od il poker in denaro) o perchè non hanno richiesto l'autorizzazione, vengono oscurati ad opera degli ISP Italiani, che provvedono all'oscuramento dietro segnalazione da parte degli organi competenti.

La materia è stata tuttavia portata più volte all'attenzione della Corte di Giustizia Europea con controversie instaurate da operatori concessionari in altri Stati UE contro l'Italia stessa. In Italia ci risulta ancora in vigore l'articolo 4 della legge 13 dicembre 1989, n. 401 che prevede il reato di raccolta di scommesse, gioco d'azzardo, pubblicizzazione di lotterie anche di stati esteri sul territorio nazionale in assenza di autorizzazione. A seguito dell'adesione al trattato istitutivo dell'Unione Europea, la materia è stata più volte oggetto di attenzione da parte della Corte: ricordiamo le sentenze 21 ottobre 1999, Zenatti (causa C-67/98, Racc.pag. I-7289), e 6 novembre 2003, Gambelli e a. (causa C-243/01, Racc. pag. I-13031), e da ultimo con la sentenza 6 marzo 2007, Placanica (Cause C-338/04, C-359/04 e C-360/04). Consigliamo, se siete interessati alla materia una lettura della sentenza sopra riportata che può dare un idea degli orientamenti della Corte di Giustizia Europea in materia.

Ad ogni modo la materia del gioco d'azzardo online è in sicura evoluzione, quindi attendiamo evoluzioni nei prossimi mesi.